Storia

Raccontando un po' del negozio.

|Storia
Storia 2017-09-18T22:25:31+00:00

Da sempre ho avuto una speciale passione per tutto ciò che fosse attinente alla meccanica con la sua intrinseca magia fatta di ruotismi, leve e movimenti, tant’è che da giovane mi dilettavo nello smontare e riparare oggetti non più funzionanti, guidato dalla voglia di conoscere e soprattutto aggiustare!

Sulla scia di questa passione più in avanti iniziai ad aiutare mio zio che aveva un piccolo laboratorio di orologeria a Lucca. Da lì il mio percorso nel campo dell’orologeria antica prese il via, fra un periodo di apprendistato presso la ditta di Guido Picard a Roma e il corso triennale di specializzazione in Orologeria teorica e pratica organizzato dall’Artigianato.
In quegli anni ebbi l’opportunità di seguire le lezioni di Orlandi Zijno, grande e rinomato esperto nel campo dell’orologeria antica in Italia, e che in seguito per me sarebbe stata un grande punto di riferimento.

orologeria aurili roma Storia slide storia 1
orologeria aurili roma Storia slide storia 2
orologeria aurili roma Storia slide storia 3
orologeria aurili roma Storia storia 1
orologeria aurili roma Storia storia 2
orologeria aurili roma Storia storia 3

Con il tempo non mancai di visitare e partecipare a diverse Mostre Mercato in giro per l’Italia attraverso le quali ebbi la fortuna di conoscere le persone che, in seguito, avrebbero segnato gli anni a venire: come Luigi Pippa, Osvaldo Patrizzi e molti altri.
Assieme a O. Patrizzi quando fondò a Ginevra la sua prima casa d’aste tematica, la D’Horlogerie Ancienne, ebbi l’occasione di essere suo collaboratore in qualità di esperto e, grazie alla esperienza maturata in quegli anni, nel 1985 fui nominato consulente per il dipartimenti italiano della casa d’aste Christie’s, un’esperienza che è durata sino al 2007.
Tutt’oggi, fortunamente, ho il piacere di collaborare con la rivista Orologi, alcune case d’aste Italiane e molti amici e colleghi.

Per mia fortuna oggi continuo a lavorare nel mio laboratorio in via del Clementino 104, dove mi sono trasferito nel 1972, affiancato da mio figlio Enrico, che condivide la mia stessa entusiastica passione per l’orologeria meccanica.